Primo Consiglio Comunale della giunta Cammarata con il giallo del rinvio

Si è svolto il primo Consiglio Comunale della nuova amministrazione guidata dal giovane avvocato Nino Cammarata. Moltissimi cittadini hanno affollato la sala per assistere a questo nuovo corso politico iniziato lo scorso 24 giugno.

Per tanti consiglieri è stato come un vero primo giorno di scuola: emozione e ansia hanno sicuramente inciso su questo primo giorno in consiglio comunale che all’ordine del giorno presentava sette punti. A presiedere i lavori consiliari c’era Sabrina Falcone (consigliera d’opposizione), anche lei visibilmente emozionata nel ricoprire un ruolo assai delicato come quello del Presidente del Consiglio, carica ovviamente temporanea in attesa dell’elezione di un nuovo PdC che doveva svolgersi in questa pirma seduta.

Si parte: ci sono tutti, no, all’appello manca la consigliera Anna Zagara (Diventerà Bellissima), motivi di salute comunica Sabrina Falcone, leggendo il documento inoltratole. Qui sta il guaio, perché un dubbio mi assale: la consigliera Anna Zagara, nella precedente legislatura era risultata “incompatibile” a causa di un contenzioso con il Comune di Piazza Armerina, per tali motivi, come ben sapete, era decaduta. La situazione, qualora dovesse riproporsi, è destinata a ripetersi con la consigliera che rischia nuovamente di decadere.

A tal proposito chiediamo alla stessa Anna Zagara di spiegare, qualora lo ritenga necessario, il perché di tale situazione che risulta confusionaria agli occhi dei cittadini.

Tralasciamo per il momento il dubbio.

Il Consiglio Comunale va avanti con il giuramento di tutti i consiglieri comunali che, visibilmente emozionati, procedono nella lettura del testo di poche righe ma dal nobile significato. Finita la fase del giuramento, sarà Salvatore Cimino (Diventerà Bellissima) a prendere la parola per primo.

Il Consigliere Cimino chiede di anticipare un punto, per la precisione il punto cinque inerente il giuramento e le comunicazioni del Sindaco; la richiesta verrà approvata, 2 i voti contrari (Di Carlo, Alberghina) non senza una piccola polemica tra il consigliere/assessore Renzo Amore e Francesco Alberghina, quest’ultimo infatti chiedeva l’immediata lettura di un documento presentato da alcuni esponenti dell’opposizione nello specifico da Mauro Di Calo e Francesco Alberghina. Il contenuto di tale documento  sarà poi motivo di rinvio dello stesso Consiglio Comunale.

Il Sindaco Nino Cammarata, dopo il giuramento di rito, si è affrettato a ringraziare tutto il personale comunale, i cittadini presenti in aula ed i consiglieri.

“Sono state due settimane intense per me e per la giunta, la città sta affrontando tante emergenze” dichiara il Sindaco,  passando subito a relazionare il Consiglio ed il pubblico circa il suo operato. Tocca subito la questione rifiuti riferendo della costituzione del consiglio della SRR, importante organo dove poter affrontate al meglio la tematica con tutte le difficoltà che conosciamo.

Sono tanti i punti toccati dal Sindaco, dal bilancio comunale che dovrà essere approvato in tempi brevi, al Palio dei Normanni già in fase organizzativa con il nuovo coordinatore Dino Vullo e l’assessore Ettore Messina alla ricerca di un (difficile) finanziamento che possa alleggerirne il peso per le (povere) casse comunali.

Importante poi il grande evento riguardante la visita papale, evento che vedrà la partecipazione di circa 200.000 mila persone, cifra stimata dalla Polizia e riferita al Sindaco qualche giorno fa. “Avremo bisogno dell’aiuto di tutti, aiuto anche economico” sottolinea il Sindaco, l’evento infatti avrà un costo non indifferente, il Comune, certamente, non potrà farsi carico di una tale spesa, ecco perché nei giorni a seguire ci saranno aggiornamenti in merito.

Un piccola puntualizzazione sulla scelta di iniziare il Consiglio Comunale alle 20, il Sindaco ha voluto sottolineare che questa scelta è stata fatta per garantire a tutti i cittadini, ma anche ai consiglieri, di poter svolgere il proprio lavoro.

La trattazione del secondo punto vede l’esame di eventuali condizioni di eleggibilità per la convalida dei consiglieri. A questo punto verrà letto il documento presentato dai consiglieri di opposizione Di Carlo – Alberghina.

Il documento, consono con il secondo punto, faceva riferimento alla compatibilità di alcuni consiglieri, il riferimento alla consigliera Anna Zagara è cercato e voluto. Dalla lettura del documento si lascia inoltre desumere che vi siano altre presunte incompatibilità o cause di ineleggibilità, per questo motivo, il consigliere Alberghina, ha chiesto un parere al Segretario Comunale.

Parere che non arriverà. Il segretario, vista la complessità del documento letto in aula, non è in grado di fornire con immediatezza ciò che si chiede: serve più tempo per stabilire vi siano casi di ineleggibilità.

A quel punto dopo alcune perplessità sollevate da Renzo Amore circa la correttezza di tale documento, viene chiesto, dallo stesso,  il rinvio del Consiglio Comunale per consentire agli organi competenti di poter chiarire gli eventuali casi di ineleggibilità. La scelta vuole essere subito un chiarimento della questione, tali situazioni infatti, non permetterebbero al Consiglio Comunale di lavorare a pieno regime. Lunedì 16 luglio si terrà la seconda seduta che, salvo altri intoppi, vedrà la risoluzione dell’odierno problema e l’elezione del Presidente del Consiglio con il suo vice.

Durante la seduta si sono dichiarati indipendenti: Mauro Di Carlo e Sabrina Falcone, mentre Aura Filetti (Diventerà Bellissima) ha dichiarato di aderire alla lista “Piazza 2.0”, lista che è comunque in orbita maggioranza a sostegno del Sindaco.

Benito Rausa

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: