Piazza Armerina avrà il suo centro studi ricreativo presso l’ex convento Sant’Anna

La notizia era stata già data in precedenza ma adesso arriva anche la conferma ufficiale: sarà istituito presso l’ex convento Sant’Anna il “Centro Studi Ricreativo”, l’Assessore Valentina Nicotra fa sapere che la proposta di istituzione del Centro Studi è stata finalmente approvata.

Nella delibera, che troverete a fine articolo, si legge: “l’Amministrazione intende istituire un Centro studi ricreativo, mettendo a disposizione una struttura dove i giovani possano incontrarsi, riconoscersi, esprimersi, discutere e confrontarsi con linguaggio, metodo e tempi propri, rompendo la monotonia del loro tempo libero, un luogo aperto alla specificità dei linguaggi giovanili e all’individuazione dei bisogni da loro espressi con spazi da vivere sia autonomamente, sia con il supporto di operatori, come occasione di incontro per sviluppare la propria creatività e i propri interessi, senza una progettualità preconfezionata”

L’ex convento Sant’Anna fu costruito nei primi del ‘600 per ospitare le famiglie della nobiltà locale, in seguito fu trasformato in un monastero e affidato alle suore Agostiniane che vi restarono fino a metà del 1800. Per oltre un secolo, l’edificio, è stato usato come scuola femminile, salvo poi essere abbandonato; verrà riaperto e restaurato tra il 2010 ed il 2012, di recente è stato usato come sede universitaria, oggi l’edificio rischiava di essere nuovamente messo in ombra, l’istituzione di un Centro Studi Ricreativo porterà molteplici benefici all’edificio stesso e all’intera comunità giovanile (e non) piazzese.

Inoltre, si legge nella delibera: “il Centro risponderebbe così, nell’immediato, all’esigenza primaria dei giovani di avere spazi idonei per “fare musica” che consentano di sviluppare le proprie attitudini musicali favorendo il processo formativo e di autopromozione, tenuto conto che la musica è l’elemento essenziale e vitale per il mondo giovanile, suonare, cantare, ascoltare musica sono occasioni per comunicare e trasmettere le sensazioni ed emozioni e permettono di esprimere sia la cultura del gruppo, sia il protagonismo individuale.”

Insomma, Piazza Armerina potrà finalmente avere un Centro Studi Ricreativo degno di nota e che possa servire come punto d’aggregazione per il variegato mondo giovanile. Si ringrazia l’Assessore Valentina Nicotra e i Giovani Democratici.

Qui la delibera: Delibera centro studi

Benito Rausa

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: