JAZZ IN BLACK: La musica come momento di solidarietà, aggregazione e integrazione

La proposta inserisce la musica come fattore aggregante e di riflessione sui temi della discriminazione razziale ed integrazione.

La musica nera afroamericana ha sicuramente influito su tutta la produzione musicale del secolo in corso, soprattutto il Jazz si è quasi etichettato il colore “ Black”, offrendo all’attenzione mondiale grandissimi autori di colore che esprimevano in questa musica, quasi rivoluzionaria, i loro sentimenti, il loro status derivante dalla persecuzione razziale, in questa rassegna si vuole ripercorrere il cammino musicale ed il suo nuovo linguaggio, creato de questi meravigliosi artisti di colore dall’inizio del secolo ad oggi.

La rassegna verrà aperta dalla conferenza/dibattito del Maestro GIOVANNI MAZZARINO

La musica afroamericana e il jazz “

Quattro concerti proposti nel periodo che va dalla fine di Dicembre alla metà del mese di Marzo con artisti jazz italiani ed internazionali che hanno espresso il piacere di partecipare sposando il tema principale dell’iniziativa, infatti, si suonerà soprattutto musica composta da artisti di colore: Luis Armstrong,Duke Ellington, John Coltrane, Charlei Parker, Miles Davis, Oscar Peterson, Thelonius Monk, George Benson, Wayne Shorter e tanti altri che hanno consacrato questa grande corrente musicale.

Per ogni concerto verrà allestita una mostra fotografica su diapositive, inerente ai musicisti di colore, dal blues al jazz.

A chiusura manifestazione un seminario di percussioni tenuto dal Maestro GUNA CAMMALLERI componente dell’Orchestra Jazz Siciliana sul tema.

Ia percussione afroamerica”,

ad apertura concerto serale, la perfomance live di GUNA e dei percussionisti della comunità Don Bosco.

Si garantisce, mediante il nostro ufficio stampa, un’adeguata diffusione mediatica su cartaceo, on line, tv (interviste e registrazioni video della rassegna)e testate giornalistiche.

La direzione artistica e l’organizzazione della rassegna è affidata all’ Associazione Culturale Tantenote di Piazza Armerina nella persona di Ninni Navarra.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: