NEWS LOCALI

Crisi idrica, l’ATI: “situazione di normalità già nelle prossime ore”

Il consiglio d’amministrazione dell’ATI, riunitosi, questo pomeriggio ha discusso sulla problematica legata alla carenza di approvvigionamento idrico. 

La riunione, convocata d’urgenza dal presidente Nino Cammarata, ha visto la presenza oltre che di altri sindaci dell’ennese, anche del gestore del servizio idrico Acqua Enna. Il problema dell’approvvigionamento idrico sta coinvolgendo diversi comuni dell’ennese, oltre Piazza Armerina, anche Assoro e Regalbuto hanno denunciato lo stesso problema.

Nel caso di Piazza Armerina, il problema aveva maggiormente colpito il quartiere Casalotto, la contrada Scarante e altre contrade della città. Per il Casalotto, il problema si era presentato a causa del rifacimento della rete idrica nel carcere piazzese, Acqua Enna, presente in assemblea, ha comunicato che la situazione troverà la sua immediata risoluzione già nelle prossime ore. 
È in via di risoluzione anche la situazione in Contrada Scarante, anche qui Acqua Enna ha assicurato che la situazione si risolverà già nelle prossime ore, confermando che l’approvvigionamento tornerà alla normalità su tutto il territorio piazzese, soprattutto in vitù del caldo periodo ferragostano.

Il problema dell’approvvigionamento idrico è dovuto principalmente al fenomeno degli incendi e al prolungato periodo di siccità. Gli incendi stanno infatti comportando un uso elevato di acqua da parte dei mezzi di soccorso impegnati nello spegnimento, inoltre le altissime temperature stanno complicando anche la situazione degli invasi. La diga Ancipa, che fornisce l’acqua a 13 comuni dell’ennese, è in sofferenza a causa della prolungata assenza di pioggia.

Benito Rausa

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: