NEWS LOCALI

Alessandro Lega, il Dj che porta Piazza Armerina in tutto il mondo

Era il 4 giugno 2019 quando con Alessandro Lega parlavamo di musica, passioni e sogni di realizzare. Sono passati a malapena due anni, eppure, il mondo è radicalmente cambiato: la pandemia da Covid-19, che ancora oggi non accenna ad allentare la presa, ha cambiato le nostre abitudini, ha cambiato soprattutto le abitudini di chi lavora nel mondo della musica e dell’intrattenimento. 

Per chi non lo ricordasse, Alessandro Lega, classe 2000, è una ragazzo piazzese che ama la musica elettronica, fa il Dj ed in generale frequenta questo variegato mondo che è appunto quello dell’intrattenimento. Inizia a coltivare la sua passione fin dalla giovane età, già a 12 anni capisce che la musica elettronica sarà la sua strada, strada che peraltro, non è stata (e non è) di facile percorrenza.  

Sono state diverse le esperienze che l’hanno fatto crescere, non solo anagraficamente, ma anche per l’accrescimento del suo bagaglio culturale: oggi un po’ tutti conoscono Alessandro Lega, grazie anche alla sua stabile collaborazione con la nota discoteca di Piazza Armerina “Frutto Proibito”. 

Dal 2019 ad oggi sono cambiate diverse cose e ce lo dice Alessandro stesso. Innanzitutto il suo stile di vita è cambiato, lo stress è decisamente aumentato, ma fa parte del gioco. La notte è il momento ideale per le produzioni musicali e, essendo un Dj, è chiaro che il suo lavoro si svolge prettamente di notte con la conseguenza di aver modificato radicalmente il suo stile di vita. Ma non finisce qui.

Ciò che ha davvero stravolto le carte in tavola è l’arrivo della pandemia. Si può benissimo immaginare come il settore dell’intrattenimento notturno, com’è appunto quello delle discoteche, in questo periodo, vive forse il suo momento più buio e di incertezza totale, soprattutto in Italia, dove proprio in questo settore non vi è alcuna certezza. Alessandro ci racconta che i primi periodi sono stati davvero difficili, i progetti erano tanti, ma il Covid-19 ha paralizzato tutto, al punto che sarebbe stato più facile mollare e dedicarsi a qualcos’altro. Fortunatamente non è stato così, anzi, questa situazione è servita per crescere ulteriormente e concentrarsi più sulle produzioni musicali.

Alessandro, va sottolineato, ha fatto tutto con le sue sole forze, oggi è praticamente sposato con la musica. Sono i diversi i progetti in cantiere e sono altrettanto diversi quelli portati a compimento.

La prima esibizione a Malta

La traccia “Hit the Gas – Alexander Cruel, Ferrigno & Alessandro Lega” è uno degli ultimi progetti portati a termine. La traccia è stata suonata in tutte le radio del mondo, inoltre la stessa produzione ha avuto il supporto di diversi Dj di fama mondiale, tra cui Martin Garrix, ciò gli ha permesso di entrare in classifica e di piazzarsi al terzo posto. Il pezzo musicale è stato, inoltre, inserito in diverse playlist “Spotify” ciò contribuisce a far conoscere al mondo, non solo il prodotto finale, ma anche gli artisti che ci hanno lavorato. Le novità non finiscono qui.

Oltre ad occuparsi di intrattenimento facendo il Dj, Alessandro, sotto l’etichetta “Groover”, si occupa anche di A/R, una sigla che per i non addetti ai lavori non dirà assolutamente nulla. A/R è una sigla inglese che significa “Artists and Repertoire” (tradotta in italiano: artisti e repertorio) il cui compito è quello di ascoltare le tracce ricevute da altri aspiranti musicisti e, in un certo senso, fare da filtro, in maniera tale da scovare eventuali nuovi artisti da poter proporre all’etichetta e lanciare nel non facile mercato musicale.

Ma la musica non si è fermata. Il sogno di Alessandro è sempre stato quello di portare la sua musica all’estero e, lo ha ripetuto più volte con grande orgoglio, quello di rappresentare Piazza Armerina, la sua città, in tutto il mondo. Ed è proprio a Malta che Alessandro porta Piazza Armerina, l’ha fatto il 24 luglio 2021 suonando al “Truth” di Malta e all’Omnia di Sliema e continuerà a farlo il 18 e il 19 settembre 2021. Sia chiaro, tutto ciò viene fatto secondo le normative locali vigenti in materia di contenimento dell’epidemia.

Insomma, Alessandro non si è perso d’animo e non si è lasciato abbattere dalla pandemia che l’ha praticamente relegato a casa senza la possibilità di esprimere le sue emozioni da dietro una consolle. La sua avventura non si è mai fermata, anzi, ha avuto anche la possibilità di fare nuove conoscenze e di trovare nel suo percorso diversi colleghi, poi divenuti amici, come nel caso di Alexander Cruel, con cui ha collaborato a diverse produzioni, l’ultima è intitolata “Sometimes” un pezzo davvero esplosivo già disponibile su Spotify. 

Alessandro Lega è un ragazzo molto riservato con un sogno che pian piano si realizza, un ragazzo che porta sempre con se la sua città: che sia in Italia, che sia all’estero, Piazza Armerina è sempre motivo d’orgoglio. 

Benito Rausa

 

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: