Quale futuro per Piazza Armerina? Un aperitivo ci salverà

L’aperi-campagna elettorale è iniziata: la si vede, la si sente e la si percepisce. Si muovono tutti, nessuno escluso. Davanti un poco alcolico aperitivo nascono nuove alleanze, si decidono i destini della città e si fanno promesse che probabilmente non verranno mai mantenute. Portami un cocktail San Pellegrino va.

La cittadinanza, giudice e giuria, ha emesso il verdetto chiaro ed inequivocabile che non lascia dubbi: l’amministrazione Miroddi è certamente un’amministrazione fallimentare su tutti i fronti. Zero programmazione, zero risultati rilevanti e soprattutto l’ombra di un dissesto finanziario che sibila alle orecchie dei piazzesi oramai stanchi di un Sindaco che, giunto al suo quarto anno, non ha capito ancora di essere lui l’amministratore della città di Piazza Armerina. Portami uno spritz per favore, fammelo forte, devo dimenticare.

Devo dimenticare un Sindaco che ha iniziato la sua esperienza pulendo la Villa Garibaldi “per sensibilizzare la cittadinanza” e la sta finendo facendo la stessa identica cosa, a dimostrazione di un’azione amministrativa inefficace e pressoché assente, insomma dopo ben 1470 giorni di governo della città i problemi sono gli stessi identici del 2013, se non di più.

Per carità, il senso civico e le azioni dei cittadini che, in qualche maniera, si sostituiscono alla macchina amministrativa sono ben accetti e fanno capire che vi è una parte di cittadinanza legata sentimentalmente a Piazza Armerina ma, la domanda sorge spontanea, perché il cittadino si è sostituito alla macchina amministrativa? Perché è lo stesso Sindaco, autista designato, ad esser sceso dalla macchina? Semplice, il Sindaco si è accorto di non avere la patente.

Mi sono spesso cimentato in azioni di pulizia della città e ho spesso denunciato discariche a cielo aperto, il tutto aveva un duplice scopo: sensibilizzare la cittadinanza ma soprattutto invogliare l’amministrazione ad affrontare in prima persona la cura della città, perché il cittadino non può e non deve sostituirsi agli uomini che dovrebbero occuparsi della cosa pubblica. L’altra volta mi è arrivata la bolletta della spazzatura, altro che risparmio, cortesemente portami un Campari con gin.

Ed ecco dunque l’ultima foto di un Sindaco sorridente nelle vesti dell’operatore ecologico mentre pulisce la Villa Garibaldi suona beffarda, è una solenne ammissione che da Sindaco non si è riusciti a risolvere la problematica ma da privati cittadini (e contribuenti!) il tutto è facilmente risolvibile, oltre al danno, la bolletta con il rincaro. Ahimè, ahi noi, ahi Piazza Armerina.

I tavoli dei bar fremono: ma il vicesindaco Mattia va con Forza Italia? Ma Miroddi sarà il candidato del Partito Democratico? E Curcuraci, dove va? Ma quanti candidati a Sindaco ci saranno? Tantissimi interrogativi che troveranno risposte quasi sicuramente dopo e durante le elezioni regionali. Per favore, portami un whisky liscio. Mi gira la testa, male molto male.

Questa esperienza amministrativa ha segnato la città di Piazza Armerina, la città appare depressa e con una mole di problemi in netto aumento rispetto al 2013: all’orizzonte non c’è nulla, non c’è una strategia turistica, non c’è una strategia per il lavoro (i contratti trimestrali non fanno testo), c’è il vuoto più assoluto. Piazza Armerina si è fatta del male, ma male seriamente.

Non fosse stato per un gruppo di privati probabilmente a Piazza ci saremmo dovuti accontentare di schiuma party e musica neomelodica, i due cavalli di battaglia dell’attuale amministrazione.

Quale futuro ci aspetta? Probabilmente dai tavolini dell’aperi-campagna elettorale emergerà il futuro di questa città, emergerà quello che si prospetta essere un salvatore con una squadra capace di azionare la macchina amministrativa ingolfata da un Sindaco senza patente, se cosi non fosse ci godremo altri 5 anni di tenebre con la conseguenza che già si sta abbattendo su Piazza Armerina: la desertificazione. Basta bere per oggi, portami il conto e lasciami affogare nell’alcol.

Benito Rausa

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: