Nel ‘cuore’ di pochi…il destino di molti: All’AGEDI Onlus, cinque ore per spiegare la vita.

Probabilmente in tanti non ci crederanno, sta di fatto che non occorre molto tempo perché si verifichi un paradosso: nello scenario di una realtà morente, c’è chi ancora crede alla vita! E di ciò sono stati attivi testimoni i liberi cittadini volenterosi che, per ben cinque ore, si sono tenuti compagnia riunendosi nei locali dell’ AGEDI Onlus – associazione che si occupa di sostegno ai disabili psichiatrici – alle prese con la loro prima esperienza su come si salva una vita umana, grazie al “Corso di primo Soccorso Avanzato, BLS, e Disostruzione” messo a disposizione dagli istruttori di “C&B Formazione”, Carmelo Cuore e Luigi Bonanno. Non il solito weekend al museo, non un gelato al lungomare, niente passeggiata al parco, ma…occhi fissi e orecchie attente da parte dei più sensibili, al richiamo di “Il tempo è vita!”. Questo il grintoso intercalare degli organizzatori del pomeriggio formativo, che ha preso avvio in un contesto quanto mai significativo per via dell’esperienza vantata nel campo della cura, volenterosa ed affettuosa, di chi ha più bisogno. Dopo una breve e concisa introduzione in cui a prendere la parola è stato proprio il presidente dell’associazione, ecco lasciato campo libero alla simpatia e professionalità di Carmelo e Luigi, i quali hanno intrattenuto i presenti dedicando ampio spazio ad una prima parte teorico-esplicativa sui rudimenti di primo soccorso sanitario ed in particolare sulla rianimazione cardiopolmonare (RCP) di cui sono specialisti, e alla quale ha fatto seguito una chiassosa e allegra prova pratica che ha visto protagonisti i più coraggiosi ed entusiasti, cimentarsi timidamente su inermi cavie in plastica. Contrariamente alle abitudini di venali e materialisti – i quali fin troppo consumati dall’abuso di un proverbio, paragonano il tempo al denaro – cinque ore sono bastate a vestire di un senso nuovo il tempo in cui viviamo, soprattutto se impiegato a dar sfogo a quella buona dose di altruismo che naturalmente dovrebbe risiedere nel senso civico di ciascun cittadino o buon cristiano che si rispetti, e che impone il prendersi cura di chi è in difficoltà non solo come diritto/dovere, ma anche come imperativo categorico. Che sia alta, bassa, magra o grassa, sono sempre gli stessi pochi minuti a determinare la salvezza di una persona in pericolo di vita tramite un primo soccorso tempestivo il quale deve necessariamente fare da primo supporto alla chiamata del personale medico qualificato, hanno insistito Carmelo e Luigi, fornendo ai presenti tutte le dritte necessarie atte a non sprecare quel tempo che, in caso di pericolo, può solo esserci nemico! Densa e quasi insolita la sfida lanciata al nutrito pubblico dal team di C&B Formazione, che, tra una schermata esplicativa dedicata ai più comuni casi sanitari e un tutorato senza esclusione di ‘colpi’, ha saputo catturare l’attenzione dando una svolta alle conoscenze dei partecipanti in sala, opportunamente stimolati, che hanno ‘contrattaccato’ dando luogo a sorprendenti botta e risposta conditi da un efficace interscambio di domande e curiosità relative a patologie e metodi di soccorso immediato, senza tralasciare di esprimere, più o meno consapevolmente, tutte le paure e insicurezze determinate da ciascun caso. Ritagliare fortunati angoli di paradiso senza posti in piedi (ma tutti a sedere) in cui insegnare a riscoprire, umilmente e senza primeggiare, il vero valore della vita: è questa la missione di Carmelo e Luigi, infermieri professionali operativi al 118 del nosocomio ennese, guidati nella loro attività di insegnamento, non soltanto dalla lunga esperienza maturata sul campo, ma anche da una buona dose di sano eclettismo ed intraprendenza che ne contraddistingue la mentalità e ne permea la voglia di fare. Ispirati dal partner IRC (Gruppo Italiano Rianimazione Cardiopolmonare), e da analoghe attività in ambito straniero, il team di istruttori è ad oggi un duo vincente per cui il lavoro è passione, dedizione, e buona volontà quotidiana messe a completa disposizione del prossimo in qualsiasi contesto purché sia (mi raccomando!)…’sicuro per operare’!

Ambra Taormina

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: