L’assessore Rita Marotta si è dimessa. Il sindaco Miroddi sempre più isolato.

Solo ieri il Sindaco Filippo Miroddi aveva sollevato dalla carica di Vice Sindaco il suo uomo più importante Giuseppe Mattia, il terremoto dell’amministrazione comunale però non è finito qui: qualche ora fa si è dimessa anche l’assessore Rita Marotta, il Sindaco Miroddi a poco meno di un anno dalle prossime elezioni subisce un duro colpo, chissà che poi non sia il colpo decisivo del KO.

Il comunicato del sindaco su Mattia fa trasparire che già da quasi un anno tra i due amministratori vi erano dei dissapori probabilmente legati alle diverse scelte politiche delle recenti elezioni regionali, Mattia ha infatti sostenuto la candidatura dell’avvocato Sabrina Calcagno, mentre il Sindaco Miroddi ha optato per l’appoggio a Mario Alloro, un politico decisamente poco amato a Piazza Armerina. Entrambi comunque sono usciti sconfitti dalle loro scelte.

Queste diversità di veduta e sicuramente altre motivazioni hanno portato Miroddi a silurare Mattia, lo stesso è stato accusato inoltre dal Sindaco Miroddi, di esser stato immobile per circa un anno danneggiando cosi l’amministrazione tutta.

I guai per Filippo Miroddi  però non sono finiti qui, qualche ora fa l’assessore Rita Marotta ha rassegnato le proprie dimissioni in virtù dei fatti che hanno portato il Sindaco a tagliar fuori Mattia. È il de profundis.

Queste ultime vicende segnano la fine del Sindaco Filippo Miroddi oramai sempre più isolato, inoltre non si escludono già nelle prossime ore, ulteriori dimissioni e/o magari il passaggio di qualche consigliere tra le fila dell’opposizione, insomma non un roseo avvenire per l’attuale amministrazione che, oltre ai problemi interni, deve rispondere al crollo dei consensi, la cittadinanza infatti ha totalmente finito la pazienza.

È un durissimo colpo per Piazza Armerina,  una città sempre più abbandonata a se stessa: sporca, vilipesa ed usata come esperimento di interessi particolari. Nel mentre tutti noi affondiamo gli ex miroddiani sono già all’opera per una meravigliosa operazione di riciclaggio, immagino già un continuo scaricamento di responsabilità nei confronti dello stesso Filippo Miroddi.

Buona fortuna Sindaco, adesso né avrà davvero di bisogno anche se, in verità, lei avrebbe più bisogno di coraggio, quel coraggio che le permetterebbe di farsi da parte ed evitare che la nostra città subisca ulteriori soprusi.

Benito Rausa

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: