FdI VINCE I RICORSI CONTRO IL COMUNE SUGLI ATTI DELLA CASA CONFISCATA DI CONTRADA LEANO E SUI VOUCHER: ORA MIRODDI NON PUO’ PIU’ NASCONDERSI

[Comunicato Stampa]

Tempi bui per Miroddi: un anno, il 2017 finito male (con l’abbandono, forse solo di facciata, dei suoi consiglieri e con la notizia confermata di essere indagato a Roma per diffamazione e calunnia), un altro, il 2018, iniziato peggio, e non solo perché con il passare dei giorni si accorcia il tempo per indossare la fascia tricolore – che non vedrà mai più dopo maggio -.

FdI aveva chiesto nei mesi scorsi al Comune le carte relative all’occupazione della casa confiscata alla mafia di Contrada Leano (d’improvviso popolatasi di inquilini prima sconosciuti, e con un bando di gara fatto proprio dopo che il nostro movimento ha acceso un faro sulla vicenda) e quelle relative alla distribuzione dei buoni di assistenza domiciliare, i voucher.

In entrambi i casi il Sindaco Miroddi ha rifiutato di fornire le carte, in un caso, quello dei voucher, minacciando querele a destra e sinistra, e però, cosa buffa, alla fine ritrovandosi proprio lui sotto indagine a Roma.

Il nostro movimento ha annunciato che avrebbe fatto ricorso contro questi dinieghi alla Commissione di accesso per i documenti amministrativi, la stessa che ha già bocciato in passato altri dinieghi del buon Miroddi, tipo quello sugli atti relativi all’incarico di esperto del Sindaco affidato a Sinuhe Curcuraci.

Oggi è giunta la notifica dell’esito dei due ricorsi, e senza troppa sorpresa ma con grande soddisfazione, possiamo annunciare che la Commissione ci ha dato ragione, il Comune non poteva negarci l’accesso agli atti e sarà ora costretto a consegnarci le carte di entrambe le vicende.

Finalmente sapremo chi occupava senza bando e a quale titolo la casa di Contrada Leano, e finalmente sapremo anche come sono stati distribuiti i voucher: non siamo prevenuti, valuteremo se ci sono anomalie e solo nel caso chiederemo alle Autorità competenti di perseguirle.

Intanto alla lancetta del tempo che ci separa dalle elezioni comunali, si aggiunge per il povero Miroddi la doppia lancetta per la consegna di questi documenti.

Ma è giusto anche lanciare a Miroddi un messaggio di speranza e di solidarietà: forza Sindaco, fra cinque mesi le fatiche del lavoro di Sindaco non saranno più un suo problema e le faranno compagnia tutti quelli che sono stati sulla barca con lei, anche quelli che hanno preso la scialuppa di salvataggio facendo finta di non conoscerla.

Alessio Cugini

Portavoce Comunale FdI

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: