Domenica 4 settembre concerto di solidarietà al Museo Diocesanopromosso dal Circolo Piazzambiente della Legambiente

COMUNICATO STAMPA

L’ambiente si fa musica

concerto 4 settembreNon poteva concludersi l’estate senza che Legambiente offrisse ai propri concittadini un momento di animazione e partecipazione – dichiarano i responsabili del circolo piazzese della Legambiente”. Per la prima volta, dalla prima edizione della Festambiente, nel 1998, con nostro grande rammarico, non abbiamo avuto riscontro alla consueta proposta della realizzazione di Festambiente, un festival che è ormai stabilmente inserito nella programmazione nazionale di Legambiente, un festival che accende i riflettori su temi importanti quali la legalità, la sostenibilità, la solidarietà e l’ambiente in senso lato, un festival che offre ai cittadini occasione di incontro e a molti giovani l’opportunità di esporre le loro creazioni, un festival intorno al quale, molte amministrazioni, hanno costruito proposte culturali innovative e condivise.

Nonostante l’amarezza – continuano i responsabili dell’associazione – abbiamo comunque ritenuto opportuno organizzare un evento da offrire alla città. Ed ecco che, approfittando della ricorrenza del 1 settembre, Giornata del Creato, abbiamo deciso di dar voce al nostro impegno per l’ambiente tramite un vero e proprio concerto di solidarietà.

L’idea del concerto nasce dalla grande sensibilità del maestro Domenico Ghegghi e della nostra amica Iva Marino che, messi al corrente delle difficoltà che stiamo incontrando nel proseguire l’esperienza dell’ecostazione, hanno con grande entusiasmo messo a disposizione arte e tempo a favore dell’associazione e della tematica ambientale in generale, coinvolgendo in ciò anche altri due artisti. E nella costruzione dell’evento abbiamo trovato grande disponibilità anche da parte dell’associazione Moysikos che proporrà l’interpretazione di alcuni brani dell’enciclica “Laudato sii”. “Doveva essere un concerto di beneficenza per sostenere il prosieguo dell’ecostazione – dichiarano i responsabili dell’associazione – ma il disastroso evento della notte del 24 agosto ha però portato tutti noi a decidere di devolvere una parte delle donazioni, che si potranno effettuare prima dell’inizio del concerto, a favore delle popolazioni colpite dal sisma. Un particolare ringraziamento va ai maestri Domenico Gheggi, Federica Faldetta e Salvatore Scinaldi che metteranno la loro arte a favore dell’associazione senza chiedere alcun compenso, e anche a don Filippo Salamone e don Giuseppe Paci, che hanno accolto con entusiasmo la nostra richiesta di ospitare il concerto nel salone del Museo Diocesano, all’interno del quale, gli intervenuti potranno ascoltare brani celebri della tradizione siciliana, dell’operetta e dell’opera tutti accomunati dall’avere al centro la musica, l’armonia e l’amore per l’ambiente e per il prossimo”.

Ufficio stampa Piazzambiente

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: